Trattamenti

Il nostro studio dispone di strumentazioni all’avanguaridia e personale dall’esperienza consolidata.
Copriamo moltissimi trattamenti dentali, dal campo estetico a quello chirurgico.

Dai un’occhiata alla lista completa dei nostri trattamenti e degli specialisti.
Approfondire le tue necessità prima di una visita rende più facile il compito a noi e più leggera la visita per te.

Conservativa

E’ la branca che si dedica ai trattamenti atti al ristabilimento di una corretta forma, funzione ed estetica del dente in seguito alla rimozione della carie e di tessuto dentale danneggiato.

L’ obiettivo è conservare tessuto dentale maggiormente possibile grazie ad una ricostruzione.
Oggigiorno l’ amalgama d’ argento ( le “otturazioni in metallo” ) è stata quasi completamente sostituita nella pratica quotidiana dai materiali compositi ( le “otturazioni bianche” con colore simil dente ) attraverso i quali avviene il ripristino dei denti cariati.
La cura è finalizzata in una sola seduta nella quasi totalità dei casi, il materiale indurisce immediatamente quindi il paziente può masticare tranquillamente.

Endodonzia

E’ la disciplina odontoiatrica che si occupa dell’endodonto, ossia lo spazio interno del dente occupato dalla polpa dentale.

La terapia endodontica di un dente si rende necessaria ogni qualvolta che, per attacco carioso in profondità o per lesione traumatica, vi sia una compromissione dell’endodonto tale da pregiudicare la vitalità del dente oppure qualora la polpa dentale sia già andata in necrosi con o senza manifestazioni dolorose.

Si tratta di “devitalizzare” il dente ossia rimuovere il contenuto della camera pulpare e dei canali radicolari, successivamente detergere, sagomare e otturare il sistema canalare. Nei nostri studi si lavora con l’ottica del recupero e della conservazione in arcata dei denti. Nelle fasi operative vengono utilizzati strumenti rotanti al nichel-titanio di ultima generazione che velocizzano e facilitano i tempi della seduta.

Ortodonzia

Si occupa dell’apparato dento-maxillo-facciale dalla crescita alla maturità e ha lo scopo di stabilire corrette relazioni anatomiche e funzionali dei denti e delle basi ossee fino ad una corretta occlusione ed un soddisfacente aspetto estetico. Sempre più adulti ricorrono all’ortodonzia per migliorare soprattutto l’aspetto estetico ma i movimenti dentali in età matura sono più complessi rispetto un adolescente essendo le ossa completamente formate.

L’apparecchio mobile di solito si usa come pretrattamento nei bambini per correggere abitudini (come succhiare il dito); gli apparecchi fissi sono usati negli adolescenti e negli adulti da quando quasi tutti i denti permanenti sono presenti. Si effettua terapia con mascherine trasparenti (Invasilign). In seguito alla visita, i nostri ortodontisti studiano i modelli in gesso delle arcate dentarie e le indagini radiografiche per impostare il piano cure.

Igiene orale

Una buona salute del cavo orale è garantita dalla rimozione della placca batterica e se ciò non viene fatto per un certo tempo, essa solidifica e si trasforma in tartaro. La placca e il tartaro sono insulti continui alle gengive e all’osso in cui sono impiantati i denti; una loro presenza duratura nel tempo determina segni di infiammazione gengivale, che sono reversibile, con il rischio di evolvere in parodontite (definita comunemente piorrea), che è irreversibile, fino alla perdita dei denti. Presentarsi a controlli periodici è fondamentale per valutare la condizione della placca del proprio cavo orale ed eventualmente rimuoverla con una ablazione tartaro (pulizia dei denti) con l’obiettivo di evitare i processi irreversibili; fondamentale è una buona igiene orale domiciliare con l’uso del filo interdentale e un corretto metodo di spazzolamento.

 

silvia-igienista
Silvia
Igienista dentale
silvia-igienista
Maria Vittoria
Igienista dentale
silvia-igienista
Tatiana
Igienista dentale
silvia-igienista
Simona
Igienista dentale
Denti inclusi

I canini superiori e i terzi molari sono i denti che più frequentemente rimangono inclusi nell’ osso dato il loro difficile e lungo percorso di eruzione durante il quale diverse cause possono intervenire e determinarne l’ inclusione. Bisogna motivare ai controlli i pazienti fin da piccoli per valutare l’ eruzione di tali denti in quanto è necessario avere in arcata i canini per il fondamentale ruolo nei movimenti mandibolari ed evitare un’ eruzione dannosa dei terzi molari nei confronti dei secondi molari.

 

Cisti

Le cisti dei mascellari possono avere una origine odontogena ( dal dente ) o non odontogena e sono diversamente invasive nell’ambito delle ossa mascellari. Per la loro stessa natura le cisti tendono ad espandersi continuamente e questo è uno dei motivi principali per cui devono essere rimosse; non rimuovere una cisti può portare alla perdita degli elementi dentali coinvolti o nei casi peggiori alla frattura dell’osso mandibolare in quanto l’ espansione di una lesione cistica è a spese del tessuto osseo. Come qualsiasi lesione orale, le cisti devono essere portate all’attenzione dell’anatomo patologo per una analisi istopatologica.

 

Impiantologia

Nel caso il paziente richiede una riabilitazione fissa, vengono utilizzate tecniche chirurgiche che prevedono l’ inserimento di viti implantari in titanio che supporteranno denti in ceramica. I pazienti in questo modo non sono costretti ad accettare protesi totali o parziali removibili aumentando incredibilmente il comfort masticatorio e psicologico.

Naturalmente è importante avere una quantità di osso tale da permettere l’ inserimento della vite implantare e che non ci siano strutture anatomiche rilevanti a rischio. In alcune condizioni e’ possibile l’ inserimento di un impianto nella stessa seduta dell’ estrazione dentaria ( impianto post-estrattivo ), a volte anche con l’ opportunità di mettere un dente provvisorio ( impianto post-estrattivo a carico immediato ). I pazienti che si sottopongono a tali interventi vengono motivati e seguiti dal punto di vista dell’ igiene orale domiciliare, presupposto fondamentale per la longevità delle protesi su impianti. Il sistema implantare utilizzato presso i nostri studi è la metodica Winsix.

 

Rigenerativa implantare

Nel caso in cui il paziente decide di riabilitare una sua edentulia attraverso una riabilitazione fissa, la scelta cade sull’ implantologia. Spesso ci troviamo di fronte ad un’ insufficiente quantità di osso per l’ inserimento della vite implantare. In questi casi e’ necessario intervenire aumentando l’ osso attraverso innesti ossei a blocco o rialzi del seno mascellare ( riempimento di osso delle cavità laterali al naso ) utilizzando osso autologo ( prelievi intraorali ). Le procedure utilizzate sono conformi alle più moderne tecniche chirurgiche che includono l’ uso di membrane riassorbibili, non riassorbibili e l’uso di placche da osteosintesi in titanio.

 

Fissa

La protesi ha lo scopo di restituire la forma, la funzione, l’ estetica a denti compromessi ( ad es. fratturati o con enormi ricostruzioni ) realizzando manufatti protesici ( capsule o corone ) in metallo-ceramica, oro-ceramica o zirconia. Quest’ ultimo materiale permette la realizzazione di corone senza metallo che hanno proprietà ottiche e meccaniche simili ai denti naturali. L’ assenza del metallo permette di preparare il dente in maniera più conservativa e non dovendo nascondere nessun bordino metallico, il limite della preparazione può rimanere a livello del margine gengivale: questo aspetto permette un migliore controllo igienico del paziente. L’ utilizzo di questo materiale è indicato soprattutto per il gruppo frontale per le eccellenti proprietà estetiche che lo caratterizza.

 

Rimovibile

Si tratta di protesi non fisse, parziali (con ganci o attacchi) o totali, in caso di parziale o totale assenza degli elementi dentari; mentre le totali sono completamente in resina, le parziali, oltre che in resina, possono presentare una struttura metallica portante ( parliamo di scheletrato ) che le rende più resistenti.

 

Combinata

Un ottimo compromesso sono le protesi combinate in cui c’ è la parte mobile (lo scheletrato) che si ancora alla parte fissa (denti incapsulati) tramite dei binari che danno la stabilità alla parte mobile senza la necessità di fare dei ganci (notevole vantaggio estetico). Il requisito fondamentale è che i denti presenti in arcata siano in buone condizioni soprattutto parodontali. E’ un tipo di protesi ottima principalmente per l’ arcata inferiore dove l’ azione della lingua tende a destabilizzare gli altri tipi di protesi removibile.

 

Implantare

Da sottolineare in questa sezione, l’ influenza positiva dell’ implantologia sulla protesi removibile. Là dove le ossa mascellari in zona anteriore lo permettono, si possono infatti inserire nel tessuto osseo impianti in titanio successivamente collegati tramite una barra in oro, alla quale viene agganciata una protesi removibili ( Metodologia overdenture ).

Rappresenta un’ ottima soluzione nel caso in cui il paziente non presenti quantità di osso sufficiente nei settori posteriore per avere i denti fissi singoli su impianti e nel caso non rifiuta la protesi mobile. I vantaggi di tale procedura sono la stabilità conferita dalla barra alla protesi removibile, economici in quanto si riabilita un’ arcata dentaria completa con un prezzo modico, igienici in quanto il paziente ha un migliore accesso e quindi controllo delle strutture protesiche.

 

Medicina estetica

E’ la branca che si dedica ai trattamenti atti al ristabilimento di una corretta forma, funzione ed estetica del dente in seguito alla rimozione della carie e di tessuto dentale danneggiato.

L’ obiettivo è conservare tessuto dentale maggiormente possibile grazie ad una ricostruzione.
Oggigiorno l’ amalgama d’ argento ( le “otturazioni in metallo” ) è stata quasi completamente sostituita nella pratica quotidiana dai materiali compositi ( le “otturazioni bianche” con colore simil dente ) attraverso i quali avviene il ripristino dei denti cariati.
La cura è finalizzata in una sola seduta nella quasi totalità dei casi, il materiale indurisce immediatamente quindi il paziente può masticare tranquillamente.